Parla con Cartesio il nostro supporto

H2020 Dati aperti della ricerca

Dal 2017 tutti i beneficiari dei programmi finanziati da Horizon 2020 devono prevedere l’accesso aperto ai dati di ricerca, con possibilità motivata di opt out.

Horizon 2020 prevedeva già l’accesso aperto a tutte le pubblicazioni scientifiche finanziate: la novità è che a partire da gennaio 2017, per tutti i bandi di H2020, i dati di ricerca saranno automaticamente resi accessibili, salvo una motivata decisione contraria. I dati delle ricerche scientifiche dovranno essere pubblicati in accesso aperto a meno che la pubblicazione non comprometta gli obiettivi principali del progetto, diritti di proprietà intellettuale o questioni di privacy (per es. i dati sui trial clinici).

I beneficiari di H2020 saranno tenuti a prendere misure per garantire il libero accesso ai dati che stanno dietro la loro pubblicazione scientifica, a fornire l’accesso aperto a qualsiasi altro dato di ricerca scelto, e incoraggiati a condividere i datasets della ricerca.
L’accesso aperto ai dati di ricerca è infatti una condizione necessaria per garantire ai ricercatori e agli innovatori un più largo accesso alle conoscenze scientifiche, una maggiore trasparenza e condivisione, per evitare la dispersione e la duplicazione delle ricerche. 
Ogni progetto dovrà avere un Data Management Plan (DMP) che fornirà informazioni sui dati che la ricerca deve sviluppare, su come garantirne la conservazione e la sostenibilità, e quali parti di tali dati saranno in accesso aperto e in che modo resi accessibili. 

 

 

Documenti correlati

Horizon 2020 Nuove linee guida della Commissione Europea sui research data

 

Link utili

Horizon 2020 Manuale Open Access

 
Un progetto di Sardegna Ricerche
2017 SardegnaRicerche